Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.
01 Dic 2017

Domenica Lentini meets La Tavernetta Jazz Club

Domenica LENTINI meets LA TAVERNETTA Jazz Club. La voce di Domenica accompagnata da Ferruccio Messinese al piano e da Francesco Leone al contrabbasso: un repertorio ricco di inflessioni smooth

Hotel 2000

Via Mazzini, 10
Pianopoli, CZ 88040 Italia

Tel 0968 32112

VEDI LUOGO IN GOOGLE MAPPE

APPUNTAMENTO

1 dicembre | 21:00 > 22:30

Organizzatore

AMA Calabria
Telefono: 0968 24580
Email: info@amacalabria.org
Sito internet: www.amacalabria.org

AMA JAZZ NOTES
presents

DOMENICA LENTINI
meets
LA TAVERNETTA Jazz Club

Domenica LENTINI, Voice
Ferruccio MESSINESE, Piano
Francesco LEONE, Bass


DOMENICA LENTINI (Voice) – Nata a Badolato, consegue con il massimo dei voti la maturità artistica e la Laurea (con lode) in Filosofia. Dall’a.a. 2006/2007, vinto il concorso di ammissione (con borsa di studio) al Dottorato di ricerca di Palermo, consegue il dottorato di Ricerca in Estetica e Teoria delle arti, presso l’Università degli studi di Palermo e segue le attività didattiche organizzate in quell’ambito. Consegue così il titolo di Dottore di ricerca in Estetica e teoria delle arti nel 2010. Collabora attivamente in veste di Cultore della materia alle iniziative didattiche della Cattedra di Estetica e di Estetica Musicale presso l’Università della Calabria, Dipartimento di Filosofia. Vince il Premio Nuova Estetica 2011 indetto dalla Società Italiana di Estetica, di cui è Socio, partecipando con il saggio “La musica suona come le emozioni sentono. Isomorfismo ed espressione musicale nel dibattito analitico”. L’interesse per la musica non è un interesse solo di tipo filosofico, poiché da anni si dedica allo studio del canto, lavorando attivamente come cantante nel suo territorio, sperimentando un repertorio che spazia dal soul al jazz. Ha insegnato Storia e Filosofia presso il Liceo Classico ed il Liceo Scientifico di lamezia Terme (CZ).

 

“Il jazz è sinonimo di libertà. Deve essere la voce della libertà: vai là fuori e improvvisi, e corri dei rischi…”
Dave Brubeck